Menu
Calendario Bologna 2021-22

Calendario Bologna 2021-22

Da questa stagione il gir...

Ufficiale: Juwara al Boavista.

Ufficiale: Juwara al Boavista.

Il Bologna ha ceduto l'at...

Giovanili: preso Viviani.

Giovanili: preso Viviani.

Il Bologna ha preso in pr...

Giovanili: preso Karlsson.

Giovanili: preso Karlsson.

Per le giovanili il Bolog...

Ufficiale: Bani al Genoa.

Ufficiale: Bani al Genoa.

Il Bologna ha ceduto il d...

Ufficiale: Donsah al Rizespor.

Ufficiale: Donsah al Rizespor.

Il Bologna ha ceduto il c...

Ufficiale: Cossalter al Ravenna.

Ufficiale: Cossalter al Ravenna.

Il Bologna ha ceduto l'at...

Ufficiale: Hickey al Bologna.

Ufficiale: Hickey al Bologna.

Il Bologna ha comunicato ...

Prev Next

15^ giornata: Bologna-Juventus 0-2.

  • Scritto da Kennet27
Valutazione attuale:  / 8

BUONI E CATTIVI.


Ma sì dai, non possiamo negarlo: siamo tutti fatalisti, cabalistici, realisti e disillusi, ma la verità è che in fondo in fondo, da qualche parte, ci speriamo sempre.
Ci speriamo sempre che per una volta anche nella vita reale il buono batta il cattivo come sul grande schermo o sui libri. Tutti sognamo che nonostante differenze abissali di classifica e qualità, i buoni possano trovare quell'unica chance che gli permetta di battere quei cattivi che da troppo tempo insidiano ed inquinano il regno. Lo sognamo, senza dirlo, ci speriamo, senza dirlo, poi quando la realtà delle cose ci riporta brutalmente con i piedi per terra, la verità è che quella speranzella minuscola minuscola la ripieghiamo come una vecchia sciarpa e la mettiamo in quel cassetto laggiù, sicuri che tra un anno la ritereremo fuori.

E' questo quello che succede al tifoso Bolognese quando i rossoblu affrontano, al Dall'Ara, la tanto odiata gioventus. Quando il male unico del calcio, quell'antico nemico che in tempi lontani (porca vacca) combattevamo ad armi pari ma che nonostante tutte le sfighe che abbiamo passato e che ci hanno fortemente debilitati, ancora oggi non riusciamo a non vedere come l'Avversario.
Perchè ci ha rubato l'impossibile, addirittura anche in Serie B; perchè trasuda simpatia da ogni poro in tutte le sue manifestazioni, e perchè soprattutto i suoi tifosi si aggirano in incognito tra di noi e spuntano fuori in queste occasioni marciando contro i colori della loro stessa città.

E' terribile, angosciante, nauseante. Ma ancora più terribile è il fatto che ogni volta dobbiamo sopportare tutto questo mandando giù dei gran magoni salati di rabbia al pensiero che una squadra blasonata come la nostra non possa combattere non dico ad armi pari, ma almeno ad armi simili, la partita contro l'odiata progenie bianconera. Brutta storia, bruttissima. Mi dovete scusare ma dopo ogni Bologna-juventus mi viene la depressione esistenziale e allora mi perdo nei miei ragionamenti. Abbiate pazienza, andiamo in cronaca.

Quindicesima giornata di campionato, nell'anticipo anticipato del venerdì sera al Dall'Ara arriva, con il suo seguito di infidi seguaci, l'armata bianconera di Mr. Simpatia Conte, la gioventus. La partita viene giocata prima di tutte poichè i bianconeri saranno impegnati martedì nella trasferta decisiva in terra turca col Galatasaray in Champions e tutti noi, tutti quanti, in fondo in fondo andiamo col cuore e la mente a 14 anni fa quando, in circostanze simili, i nostri rifilarono 3 succosissime banane agli agnelloidi facendo straripare una città di gioia. Erano altri tempi, erano altri giocatori, era tutto un altro mondo. Porca vacca.

Comunque, per l'occasione Pioli decide di schierarsi nel solito modulo: Curci in porta, difesa a tre con Antonsson, Natali ed il rientrante Mantovani al posto dello squalificato Sorensen; centrocampo con la mediana Ruso-Khrin, sugli esterni ovviamente agiscono Garics e Morleo a supporto della doppia di trequartisti Kone-Diamanti alle spalle del Rolandone rossoblu, preferito per l'occasione al Churry (reduce da un infortunio alla mano). Dal canto suo l'uomo con il gatto soriano (morto) in testa, risponde schierando praticamente la giuventus 2 (a parte Buffon, Barzagli e Vidal) e mettendo davanti il duo Vucinic-Quagliarella. Pirlo, per fortuna nosta, non c'è.

Lo stadio intanto è praticamente pieno e dalle mie parti cominciamo, come ogni volta, a visualizzare i volti "nuovi" presenti in zona che non possono non essere gobbi in incognito. Sono riconoscibilissimi poichè, oltre a non portare nessun oggetto in rosso ed in blu, sono anche praticamente inamidati ed immobili con lo sguardo fisso a prescindere da quello che accade sul campo. Gente brutta, consentitemelo, anche perchè se vuoi vedere la TUA squadra vai almeno in mezzo ai TUOI compari e non venire a togliere posti a noi. Ma vabbe', non divaghiamo. Almeno Max ha portato i cioccolatini al rum.

Comincia la gara e ci vengono subito i brividoni perchè la iuve comincia immediatamente a testa bassa e noi dietro ci rendiamo protagonisti di creponi di un certo livello che fanno subito partire le coronarie degli stoici rossoblu presenti. Nonostante una timida reazione abbozzata dalle parti dell'area di Buffon, arriva però il gol al dodicesimo: azione gobba, la palla arriva a Vidal che completamente solo in area sulla destra trafigge Curci. 1 a 0 per loro, mentre i maligni esultano viene logico chiedersi il motivo per cui Vidal si trovasse solo in area. Ma tant'è.

I rossoblu patiscono la botta ma in qualche modo si svegliano e cominciano a farsi più determinati e convinti nonostante i bianconeri pressino e picchino come fabbri incazzosi e stitici. Pedina fondamentale in questa "avanzata" è sicuramente Rolando Bianchi che nel gioco aereo di sponda e di "spizzata" si dimostra particolarmente Kennettiano ed ispirato questa sera. Vero il finale del tempo i nostri così guadagnano qualche calcio d'angolo e sfiorano il pareggio con Diamanti (una volta su punizione e l'altra su botta clamorosa da fuori area su cui Buffon può intervenire solo perchè centrale) e poi con Garics che sugli sviluppi di un corner non riesce, completamente solo e dentro l'area, ad indirizzare il suo tiro nello specchio della porta. Finisce il primo tempo, siamo sotto ma sembriamo anche vivi.

Nell'intervallo la temperatura cala di circa 39 gradi e, tra un pinguino ed un orso bianco, continuiamo a riscaldarci cantando ma soprattutto mangiando i cioccolatini al rum di Max.

Inizia la seconda frazione, subito cambio per il Bologna: fuori Perez, dentro il cinno Laxalt. L'uscita del Ruso indebolisce la fisicità della nostra mediana (praticamente del tutto, considerando che Khrin è in versione bella figheira) cosicchè la gioventus guadagna metri ed il Bologna non riesce ad imbastire azioni che portino un qualsivoglia giocatore nelle condizioni di battere a rete. Nei gobboidi intanto si fa male Vucinic, così esce il montenegrino ed entra Llorrente, filuccone spagnolo alto e grosso che si concederà una serata "Lotta tra Titani" nello scontro sportelloso con il Cesarone Natali nostro.

Verso la mezz'ora Pioli decide di provare ad aumentare i giri offensivi e così fa entrare El Churry Cristaldo al posto di Garics, mettendo Mantovani sulla fascia e spostando il nostro Renatone Khrin nella linea arretrata (anche con buoni risultati, tra l'altro). L'entrata dell'argentino ha subito effetti positivi sul Bologna: è proprio lui, infatti, a piazzare uno scatto clamoroso bruciando i suoi diretti avversari e tentando un diagonale insidiosissio che non batte Buffon per un pelo di lumaca.

Il Bologna spinge e la giuve ne approfitta colpendo di contropiede, tuttavia sulla sua strada trova un Curci. Se avessimo detto questa roba quattro giornate fa ci saremmo messi le mani nei capelli, ma ultimamente Enzo Paolo sembra essere tornato un portiere ed anche stasera compie veri e propri miracoli in almeno tre occasioni: in uscita, in tuffo e d'istinto. Oh ma vuoi vedere che è davvero il quarto miglior portiere Italiano? No vabbe', scherzo. Comunque sta risultando indubbiamente decisivo (anche se un idolo dietro di me urla: "Chissenefrega se para ora, doveva parare contro Sassuolo ed Atalanta!"... come dargli torto).

Negli ultimi minuti Conte butta dentro pure Tevez (ahi ahi) ma i rossoblu pugnaci e mordaci continuano a difendere con i denti e tentano di portarsi in avanti per recuperare il risultato. Ma negli ultimi 5 minuti arriva la svolta.
Pioli decide di dare ulteriore forza all'offensiva felsinea facendo scaldare Alibec, punta esterna piuttosto (a quanto si dice) fumantina. La giuve intanto guadagna un angolo su altra paratona di Curci su Tevez e qui Pioli forse fa la vaccata: fa uscire Bianchi per mettere dentro l'esterno romeno.

Ora, a parte il fatto che onestamente non avrei tolto Bianchi (a meno che non fosse  morto fisicamente) poichè si doveva provare il tutto per tutto, credo che sia un errore cambiare un giocatore prima di un calcio d'angolo, considerato che spezzi l'azione e forse metti anche un po' nei casini gli schemi difensivi in queste situazioni. Sarà un caso, ma la giuve batte l'angolo e di testa insacca Chiellini, giocatore che forse in condizioni normali avrebbe marcato proprio Bianchi. Il simpatico (come un brufolo nelle chiappe) difensore bianconero salta indisturbato ed insacca sotto la traversa nonostante Curci stesse per compiere l'ennesimo miracolo. 2 a 0, partita praticamente finita.
Ultimi minuti con reazione d'orgoglio rossoblu, ma la sfida è davvero impari e finisce così tra i boati del Popolo del Male che sogghigna compiaciuto all'ennesima vittoria contro i buoni.

Partita senza storia fin dall'inizio, d'altro canto quando le riserve di una squadra sono comunque più forti di te, c'è poco da fare. Per il Bologna comunque resta il pregio di una partita coraggiosa e combattuta fino in fondo con una difesa che, a parte i primi minuti, ha retto bene l'urto con i forti attaccanti avversari ed in cui ancora Curci è risultato essere decisivo in più occasioni.
Offensivamente le buone notizie sono davvero pochissime, sicuramente una di queste è un Bianchi sicuramente in crescita (di testa, in cielo, le piglia tutte) e sul fatto che un posticino per il Churry, comunque va trovato. Giocare sempre così (e magari lo avessimo fatto anche prima) indubbiamente porta dei punti. Speriamo.

Ora ci aspetta un'altra partita piuttosto complicata a Firenze, contro i viola di Montella nel classico Derby dell'Appennino. Uscirne con un punto sarebbe secondo me cosa buonissima, certo è però che se vai là per fare le barricate vieni smembrato vivo. Si archivia così un altro capitolo della lotta contro il Male, ennesimo capitolo in cui i buoni non possono fronteggiare la minaccia poichè inadeguati e disorganizzati. I signori Guaraldi e Zanzi proprio non se la sentirebbero di togliersi dagli zebedei una volta per tutte? Continuiamo a sperare.
FORZA BOLOGNA

PS: Ho sempre trovato la Turchia un paese estremamente interessante.


Kennet27

Non hai i privilegi per visualizzare o postare commenti.

Loghi e marchi nel sito sono dei rispettivi proprietari. Se ritenete che sia stato violato il Vs. Copyright, segnalatelo e, effettuate le necessarie verifiche, si provvedera' alla rimozione del materiale. Il Federossoblu non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza una periodicita' prestabilita. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001.

Utilizzando il nostro sito, acconsentite all'utilizzo di Cookies.

Privacy Policy