Menu
Presentazione di Verona-Bologna (13g 17-18)

Presentazione di Verona-Bologna (13…

Il Bologna è atteso del p...

Presentazione di Bologna-Crotone (12^g 17-18)

Presentazione di Bologna-Crotone (1…

Arriva il Crotone, dopo l...

I convocati per Roma-Bologna

I convocati per Roma-Bologna

Per l'incontro di domani ...

Presentazione di Roma-Bologna (11^g 17-18)

Presentazione di Roma-Bologna (11^g…

Prima la Lazio in casa po...

I convocati per Bologna-Lazio.

I convocati per Bologna-Lazio.

Per l'incontro di domani ...

Presentazione di Bologna-Lazio (10^g 17-18)

Presentazione di Bologna-Lazio (10^…

Arriva la Lazio al Dall'A...

I convocati per Atalanta-Bologna.

I convocati per Atalanta-Bologna.

Per l'incontro di domani ...

Presentazione di Atalanta-Bologna (9^g 17-18)

Presentazione di Atalanta-Bologna (…

C’è l’Atalanta sul cammin...

I convocati per Bologna-Spal.

I convocati per Bologna-Spal.

Per la gara di domani con...

Comunicato di Joey Saputo.

Comunicato di Joey Saputo.

Le parole del Presidente ...

Prev Next

10^ giornata: Bologna-Inter 0-1.

  • Scritto da Kennet27
Valutazione attuale:  / 4

Mistero.

Sono al minimo storico.
Mi sento Adam Kadmon. Anzi no, mi sento Andrea Pinketts, il tipo di Mistero che parla come se fosse uscito da un film di gangster americano. Sì, mi sento come lui perchè qua bisogna veramente indagare sulla questione. Io sono al limite, ormai mi sono rassegnato a non capirci niente, ma devo comprendere.

Facciamo un attimo una breve disamina. No, fermi: lasciamo da parte i soliti discorsi sulla bellezza del calcio che è spietatamente crudele, oppure le canzoni di Max Pezzali dove "se non hai difesa gli altri segnano e poi vincono". Questi sono discorsi triti e ritriti. Sì la palla è rotonda, e bla e bla, ma qui siamo oltre. Analizziamo il Bologna FC.

Nelle recenti cronache ho già espresso il mio stupore isterico nel constatare che sebbene a capo della nostra amata società sia arrivato un multimiliardario volenteroso con uno staff tecnico non proprio di ultimissima, riusciamo comunque a fare tazza. O gabinetto. O schifo, vedete voi come dire. Questo è il punto chiave, bene, ma addentriamoci. Ora parliamo di giocatori. Lasciamo stare Ferrari e la sua vaccata difensiva: purtroppo succede, capita ai top-player mondiali, figurati ad un "cinno" che ha appena messo piede in A (tra l'altro non demeritando). La verità è che i ruoli difensivi sono assai pesanti, poichè appena scazzi rischi di venire punito. E questo ieri sera è accaduto. Succede, amen, è meglio non ricapiti in futuro ma senza dubbio Ferrari resta un giocatore molto interessante con ampi margini di miglioramento e che certamente in questo avvio di campionato disastroso è una bellissima nota acuta.

A grandi linee ci sta anche che l'attaccante scazzi il gol. Succede, in fin dei conti il calcio per fortuna non è una scienza esatta, basta un millimetro in più o in meno, un riflesso troppo veloce o lento, un filo d'erba malnetto che può decidere la direzione della palla, tra gloria e ignominia. Quindi può benissimo essere che Destro sbagli il gol all'ultimo minuto. Ma dobbiamo addentrarci meglio nella situazione. Perchè qua non è questione tecnica o fisica. Qui c'è qualcosa di esoterico. Qui c'è una sfiga radicata e impregnante, qui esiste un buco nero che inghiotte qualsiasi raggio di luce si avvicini anche solo per sbaglio.

Io voglio capire cosa c'è. Io voglio capire non solo perchè nonostante il multimilionario internazionale riusciamo a fare schifo lo stesso, io voglio anche capire perchè OGNI VOLTA che accogliamo un giocatore come un eroe, questo sparisce. Facciamo un esempio? Pensiamo a Gastaldello? Capitano della 3^ squadra in Serie A, arriva a Bologna in serie B. Cacchio farà la differenza! No, niente. Si scassa pure e sparisce fino a un mese fa. Ok dai, ok.
Mercato di gennaio, ci serve una punta: cacchio ci siamo, prendiamo il capocannoniere della Serie B! Arriva Mancosu, bomber vero. Grande fermento, addirittura la gag da Luca Elettronica a fare il cassiere per dare biglietti e abbonamenti. Figo, figo, figo! Dai ci porti in A! Reti segnate: zero.

Ora veniamo ai giorni nostri. Ci serve il bomber, ci serve giovane, talentuoso, con voglia di arrivare. Ce l'abbiamo: Mattia Destro. Arriva, non arriva, lo paghiamo, forse va in Inghilterra, forse va a Napoli, forse, forse. Corvino blitza, Saputo giù di bocca, milioni fitti ma è nostro. Numero 10, campagna mediatica da paura, foto, stazione, festa in centro. Cacchio manca il giro sulla papamobile. Finalmente abbiamo un erede di Di Vaio. Ecco. Gol fino ad ora? Zero, scazzando l'impossibile. Dopo Palermo (2 metri dalla porta, fuori), questa sera con l'Inter: 2 metri dalla porta, in bocca al portiere.

Non è possibile dai, non ci si crede. C'è una bambolina voodoo nascosta negli spogliatoi, forse abbiamo lo stadio costruito su un cimitero atzeco, non lo so. Qui c'è qualcosa. Io non dico che dovesse già essere a 40 gol in 9 giornate, però...dai cacchio, sei Mattia Destro: quel gol lì devi farlo, ma scherziamo? Anche perchè pensate il film: tenuto in panchina, entra a pochi minuti dalla fine, zampata vincente sotto la Curva e pareggio clamoroso. Esplode lo stadio, la Curva si ribalta, Saputo ha un principio di tirella e tutti quanti siamo più belli. Invece no, finisce a bestemmie e urla animalesche verso il cielo.
Boh.

Io immagino voi vogliate sapere della partita, ma sono piuttosto depresso. Vi posso dire che Delio Rossi fa un po' di turnover e schiera l'ormai inamovibile 4-3-3 con Da Costa ancora tra i pali, Gastaldello e Rossettini centrali (Oikonomu out in riscaldamento), Masina e Ferrari esterni, con un centrocampo formato da Diawara, Rizzo e Taider a supporto dell'attacco velocità con Mounier, Giaccherini e Mancosu. Vi potrei dire anche che l'Inter fa parecchio turnover e che dietro schiera Ranocchia, il che dovrebbe farci ingolosire parecchio.

Vi potrei raccontare che per circa un'ora il Bologna se la gioca alla pari con i nerazzurri, con sangue agli occhi su ogni pallone e con trame interessanti in fase offensiva, fase come sempre però rovinata dalla totale assenza di qualcuno che sappia cosa sia il gol. Vi potrei dire che l'Inter resta anche in 10 grazie l'espulsione di Melo (un cagnazzo as usual) per doppia ammonizione e che potremmo anche provare a vincere ma Delio Rossi preferisce mettere dentro Brienza perche non sia mai che non giochi in tutte le partite.

Poi magari vi direi buttiamo tutto nel water e tiriamo anche l'acqua quando Gastaldello perde un pallone da mani nei capelli sulla trequarti, l'Inter riparte, Ferrari "cicca" la chiusura e permette a Ljaic di servire Icardi solissimo che appoggia in rete. Insomma vi direi che ce la siamo giocata alla grande (forse la migliore partita del Bologna quest'anno) e ci ritroviamo sotto. No so se dirvelo. Anche perchè dovrei aggiungere che Rossi aspetta il fiorire dei ciliegi per buttare dentro forze fresche come Falco e Destro, ma che intanto la squadra dimostra un carattere pari a quello di un budino perchè dopo la rete ha di fatto smesso di giocare.

Poi vi direi che aspettiamo Destro, che danno 5 minuti di recupero, che nell'ultimo minuto non so come arriva un pallone in mezzo proprio sul nostro numero 10 che potrebbe risollevare e finalmente iniziare la sua stagione in rossoblu siglando un gol su Handanovic in uscita e....e invece no, perchè dovrei dirvi che Mattia sparacchia dritto per dritto e si mangia un gol che sì, Handanovic non è una sedia a dondolo, però checcacchio...

Ma no, penso che non ve lo direi. Perchè non ho tempo. Devo capire le energie negative che aleggiano su questa squadra e società, forse città. Magari faccio a tempo per domenica, magari ce la faccio, ci liberiamo da tutto questo e contro l'Atalanta Destro fa 3 pere come dovrebbe e noi cominciamo la scalata in classifica. Ci provo.

FORZA BOLOGNA


Kennet27

Non hai i privilegi per visualizzare o postare commenti.

Loghi e marchi nel sito sono dei rispettivi proprietari. Se ritenete che sia stato violato il Vs. Copyright, segnalatelo e, effettuate le necessarie verifiche, si provvedera' alla rimozione del materiale. Il Federossoblu non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza una periodicita' prestabilita. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001.

Utilizzando il nostro sito, acconsentite all'utilizzo di Cookies.

Privacy Policy