Menu
Presentazione di Verona-Bologna (13g 17-18)

Presentazione di Verona-Bologna (13…

Il Bologna è atteso del p...

Presentazione di Bologna-Crotone (12^g 17-18)

Presentazione di Bologna-Crotone (1…

Arriva il Crotone, dopo l...

I convocati per Roma-Bologna

I convocati per Roma-Bologna

Per l'incontro di domani ...

Presentazione di Roma-Bologna (11^g 17-18)

Presentazione di Roma-Bologna (11^g…

Prima la Lazio in casa po...

I convocati per Bologna-Lazio.

I convocati per Bologna-Lazio.

Per l'incontro di domani ...

Presentazione di Bologna-Lazio (10^g 17-18)

Presentazione di Bologna-Lazio (10^…

Arriva la Lazio al Dall'A...

I convocati per Atalanta-Bologna.

I convocati per Atalanta-Bologna.

Per l'incontro di domani ...

Presentazione di Atalanta-Bologna (9^g 17-18)

Presentazione di Atalanta-Bologna (…

C’è l’Atalanta sul cammin...

I convocati per Bologna-Spal.

I convocati per Bologna-Spal.

Per la gara di domani con...

Comunicato di Joey Saputo.

Comunicato di Joey Saputo.

Le parole del Presidente ...

Prev Next

28^ giornata: Bologna-Carpi 0-0.

  • Scritto da Kennet27
Valutazione attuale:  / 4
ScarsoOttimo 

UN PO' DI STITICHEZZA.

Be', io l'altra volta per fare un po' l'asino avevo fatto un articolo volutamente polemico ed "ignorante", ma a giudicare da quello che ho letto e visto in giro, mi sa che è stato uno dei più "conformi" che abbia mai prodotto! Se era così dopo Palermo, figurarsi oggi dopo il pareggio casalingo col Carpi. Intendiamoci subito: sono contento dello zero a zero in casa contro il SIMPATICISSIMO Carpi? No, per niente.

No, perchè siamo superiori ai biancorossi (e non lo dico per il blasone, lo dico perchè il campo lo ha ampiamente dimostrato) e dico no perchè dispiace non riuscire a fare bottino pieno quando crei tanto e magari sprechi (vedi Palermo) oppure ti va anche fatta male (vedi oggi con pali, traverse e rigori negati). Impossibile negare poi che con la classifica attuale di Serie A, fare la bocca alla "top ten" è naturale: davanti a noi non corrono tanto, non sembrano esserci squadre continue e lanciatissime e quindi sperare in un piazzamento europeo sinceramente non è eresia.

Però se trovo quindi naturale "sperare" in un piazzamento importante, trovo invece da ricovero psichiatrico "pretendere" che questo diventi realtà. Cioè se eravamo gabinetti fino a 4 mesi fa (palesemente non da Serie A, ricordo bene) ora non è che siamo diventati fenomeni. Leggo robe assurde, con gente che riesce a dire che a salvezza quasi raggiunta, i giocatori si sono rilassati. Io non vedo un gran rilassamento, vedo delle due un periodo di imprecisione in avanti e l'appannamento (credo fisiologico) del giocatore che fa fare il salto di qualità alla squadra: Giaccherini.

E' chiaro che con un Giaccherini in formato mundial, questa squadra vola. Lui salta l'uomo, crea, inventa, segna. Appena Giaccherini ha avuto un momento di flessione (è tornato insomma tra gli esseri umani), ecco che per forza di cose la squadra davanti fatica di più. Però non mi si venga a dire che non crea o che è rilassata. Così come non mi si venga a dire che la difesa (tanto per dirne una) è rilassata. Io vedo una squadra invece viva, a volte magari un po' leziosa ok, ma che crea e anche parecchio. Bisogna semplicemente cacciarla dentro (dici niente eh), ma sono anche convinto che i valori ci sono e che prima o poi ricomincia a farlo. Perchè personalmente sarei più preoccupato di una squadra che non crea e magari vince a busonelle (termine tecnico), piuttosto che una squadra che crea e spreca.

Per fare un esempio a noi vicino: ricordate l'Inter di inizio stagione? Gioco assente, grande "pragmaticità" ed è stata davanti parecchio tempo. Ma senza gioco, il culo non regge, ed infatti nel giro di poco sono "crollati" tra le inseguitrici. Insomma, stiamo sereni. Io di questa squadra sono ancora assolutamente contento. Intanto andiamo in cronaca.

Ventottesima giornata di Serie A, al Dall'Ara va in onda un derby emiliano tra due promosse della passata stagione. Nel giro di 365 giorni le cose sono parecchio cambiate: l'anno scorso il Carpi spopolava in serie B portando a termine una stagione da primatista e protagonista assoluta, con il Bologna invece che tra più ombre che luci tentava di inseguire un sogno playoff a tratti quasi impossibile.
Oggi invece il Carpi veleggia tra le ultime posizioni della Serie A con una stagione che probabilmente lo vedrà soccombere nel campionato cadetto, il Bologna invece dopo i drammi di inizio stagione ora veleggia con gran merito a metà classifica e sogna un futuro roseo ai limiti dell'erotismo estremo.

Donadoni continua a predicare "fame" per i suoi e schiera il consueto 4-3-3 con qualche novità: Mirante tra i pali, coppia (che coppia) difensiva con Gastaldello e SuperMimmo Maietta, sulle fasce il confermatissimo Mbaye e a sorpresa direttamente dal bagaglino Pippo FranCostant. Centrocampo solito con Diawara in regia e Taider e Donsah in officina, davanti Destro viene supportato da Giaccherini e Mounier. Dall'altra parte Castori si presenta invece con una maginot da 5-3-2 in cui campeggiano tra gli ex Zaccardo (ormai un harleysta) ma soprattutto Crimi e Mancosu. Inutile dire che il terrore di tutti noi riguarda proprio questi ultimi due.

Io vorrei essere allo stadio ma purtroppo un crociato ballerino (non un templare col vizio del tiptap, sia chiaro) mi costringe a rimirare la partita da casa col ginocchione sospeso in aria e Sam appostato da commentatore di fianco a me.

Inizia la gara ed il Bologna parte subito con gli attributi sul piatto, nel senso che prende il pallino del gioco e diventa padrone del campo davanti ad un Carpi che pensa principalmente a non prenderle. Pronti via ed infatti potremmo subito passare in vantaggio con una bella azione in velocità che vede Mounier preferire il passaggio al centro anzichè la botta in porta da buona posizione (seppur defilata). I rossoblu insistono e si fanno vedere ancora con Diawara (botta da fuori) e poi con i consueti "sparagugli" lì davanti. Il Carpi si difende ed io, steso sul letto, comincio a temere. Perchè solitamente queste partite noi le soffriamo.

Passata la mezz'ora il Carpi infatti comincia a farsi vedere dalle nostre bande ed in particolare con Mancosu (!!!) fa venire parecchi brividi colerici a noi bolognisti: prima è bravissimo ad anticipare Gastaldello e a battere di prima intenzione in porta (paratona di Mirante), poi approfitta di una ciabattata di Gastaldello e prova la botta da fuori in faccia sempre a Mirante, infine forse in fuorigioco si trova a tu per tu sempre col nostro portierone ma troppo defilato non riesce a combinare niente. Il Carpi è insomma prettamente Mancosu, per quanto al suo fianco giochi Lasagna (subentrato all'infortunato Verdi), giocatore che il tavernello-addicted commentatore di sky riesce a definire come "il miglior contropiedista del campionato". Vabbe'.
Insomma, fine primo tempo e siamo zero a zero, brividoni nel finale per noi ma onestamente ai punti dovremmo vincere.

Al via la ripresa e Donadoni decide di dare più spessore all'attacco togliendo Mounier (qualche strappo dei suoi ma poco più) per inserire Floccari (l'uomo che, dalla tv, si tocca gli zebedei circa 34 volte al minuto). L'inserimento, per quanto il nostro 99 tenda a giocare sulla trequarti, indubbiamente ci dà più potenza davanti anche se per forza di cose ci rende più soggetti ai contropiedi carpigiani. Destro ha un momento di potere assoluto quando prende palla sulla trequarti, dribbla 4 giocatori, 3 stewart ed un billy e non riesce a tirare in porta solo per un intervento a tratti eroico di un difensore biancorosso. Per il resto il Bologna mantiene il controllo della partita e gira bene il pallone, tuttavia la condizione non ottima di Giaccherini inficia negli ultimi metri in cui non riusciamo appunto a trovare il colpo risolutore.

Nel Carpi esce Mancosu (con tutta la stima per Matteo, è sempre lo stesso Mancosu) ed entra quel bel vitellone di Mbakoku o come si scrive, uno che l'anno scorso ha seminato terrore in Serie B e che comunque quando parte in velocità si fa sentire. L'ingresso del nigeriano però non ci spaventa perchè dietro siamo veramente muratissimi (anche Mbaye autore di interventi risolutivi) e Maietta si conferma SuperMimmo con una serie di chiusure da eroe ellenico che mi fanno saltare (a rischio e pericolo del ginocchione) sul letto.

Donadoni tenta di dare ulteriore spinta offensiva facendo entrare prima Masina per Pippo FranCostant (un po' maraglio per i miei gusti ma assolutamente una buona prestazione) e poi Ciccio Brienza al posto di Donsah (che è davvero grosso, vorrei ricordare). L'ingresso soprattutto del nostro Ciccio porta ad un forcing clamoroso nei minuti finali. Prima è Giaccherini a dare sprazzi del vero sé quando prende palla, si accentra e spara un siluro da fuori area che lambisce l'esterno del palo destro.

Poco dopo è il turno di Gastaldello che, su punizione sparata in area da Brienza, su un campanile invitantissimo prova una follia acrobatica e rischia il gol della vita con una semi-rovesciata che si stampa sulla traversa (se avessi bollato così io, al posto suo, sarei uscito dal campo e sarei andato a letto immediatamente). Poco più tardi è Taider a venire abbattuto in area per un rigore piuttosto netto che l'arbitro però, lì vicino, decide di non dare, Infine c'è l'ultima occasione con l'ennesimo sventaglione di Brienza che trova Giaccherini largo a destra che controlla ed appoggia in mezzo dove Destro, un po' arretrato, prova il tiro ma non riesce a dare grande forza favorendo così la parata del portiere carpigiano.

Triplice fischio e non finiamo di commentare con Sam che almeno oggi Destro non è stato ammonito per proteste che ecco che proprio il nostro numero 10 si trova protagonista di un battibecco col vice di Castori praticamente sotto al tunnel. Non sappiamo i motivi, ma considerata la simpatia di Castori non mi stupisco e non posso non solidarieggiare con Destro.

Come detto uno zero a zero che mi irrita perchè ci sta stretto, tuttavia non vedo colpe della squadra se non appunto nel fatto che il momento "gigio" di Giaccherini ci penalizza. Sicuramente davanti siamo stitici, va comunque sottolineata la prova MAIUSCOLA della difesa con Gastaldello e soprattutto Maietta (per non parlare poi di Mbaye che sembra un giocatore di calcio ora), associato ad un centrocampo che comunque detta legge. Oltre al solito Diawara (vi rendete conto quanto strakaiser è forte questo diciottenne?) e alla prepotenza fisica di Donsah (vent'anni di forza bruta), oggi anche Taider mi è sembrato parecchio ispirato, un po' fuori dall'anonimato che lo contraddistingue.

Insomma, ci manca solo il gol. Non è poco, ma come ho detto prima, finchè la squadra costruisce sono sicuro che prima o poi il gol arriva. Speriamo il prima possibile, magari già sabato contro l'Inter. Perchè ammetto che la sconfitta dell'andata a me resta ancora qua sul gargarozzo.
FORZA BOLOGNA!!


Kennet27

Non hai i privilegi per visualizzare o postare commenti.

Loghi e marchi nel sito sono dei rispettivi proprietari. Se ritenete che sia stato violato il Vs. Copyright, segnalatelo e, effettuate le necessarie verifiche, si provvedera' alla rimozione del materiale. Il Federossoblu non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza una periodicita' prestabilita. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001.

Utilizzando il nostro sito, acconsentite all'utilizzo di Cookies.

Privacy Policy