Menu
Ufficiale: Palacio al Bologna.

Ufficiale: Palacio al Bologna.

Il Bologna ha comunicato ...

Coppa Italia: presentazione di Bologna-Cittadella.

Coppa Italia: presentazione di Bolo…

Dopo le amichevoli del pr...

Stop di due mesi per Falletti.

Stop di due mesi per Falletti.

E' arrivato l'esito degli...

Amichevole: Hoffenheim-Bologna 1-2. Il tabellino.

Amichevole: Hoffenheim-Bologna 1-2.…

HOFFENHEIM: Kobel, Bicakc...

Amichevole, Hoffenheim-Bologna 3-0. Il tabellino.

Amichevole, Hoffenheim-Bologna 3-0.…

HOFFENHEIM: Baumann; Kade...

Amichevole, Bologna-Lekhwiya 3-2. Il tabellino.

Amichevole, Bologna-Lekhwiya 3-2. I…

BOLOGNA: Santurro; Torosi...

Ufficiale: due attaccanti per le giovanili.

Ufficiale: due attaccanti per le gi…

Il Bologna ha preso due a...

Amichevole, Colonia-Bologna 1-1. Il tabellino.

Amichevole, Colonia-Bologna 1-1. Il…

COLONIA: Horn T.; Heintz ...

Ufficiale: presi due giovani dal Bassano.

Ufficiale: presi due giovani dal Ba…

Il Bologna ha effettuato ...

Nuova risposta del Bologna verso Repubblica e Corriere.

Nuova risposta del Bologna verso Re…

In riferimento agli artic...

Prev Next

34^ giornata: Napoli-Bologna 6-0.

  • Scritto da Kennet27
Valutazione attuale:  / 4
ScarsoOttimo 

OH, BONA!

Sinceramente non ho una gran voglia di scrivere. E non mi va neanche di scrivere la cronaca di una partita che di fatto non c'è mai stata. A meno che, ovvio, non vogliamo chiamare "partita" una sgambata del Napoli contro una squadra di amatori over 40. No perchè ieri sera il Bologna è sembrato tale, una squadra di amatori.

Chiaro, lo so: perdere a Napoli non è impresa impossibile. Il Napoli è una bella squadra ed anche senza Higuain ha comunque giocatori di altissimo livello, ma non esiste mai nella vita che ne prendi 6. 6 pere in faccia (per non dire altrove) è una vergogna infinita. Una vergogna per i giocatori, per l'allenatore, per la dirigenza, per Saputo e soprattutto per i tifosi, in particolare quelli che si sono anche fatti dei chilometri per vedere una indecenza così.

Se mi si permette, quella di ieri sera è stata semplicemente la ciliegina di guano su una bella torta di cacca che da circa un mese e mezzo ci stanno profumatamente servendo ad ogni match. Con la Roma è sembrato che ci fosse una minima reazione di vita, ed in effetti c'è stata ma sicuramente coadiuvata da un apporto deretanico quasi ultraterreno. E poi stasera.
E qui apriamo le danze.

Parliamo di una squadra che ha finito di giocare. Non gioca più. Chi è stanco, chi è bollito, chi forse non gioca più volentieri, chi magari preferisce non sforzarsi troppo in previsione della prossima stagione, boh: la morale è che ci sono giocatori che sembrano vadano in campo a ballare il salsa e merengue. Giaccherini è il caso più eclatante (è esploso oppure sta facendo qualche pensierino impuro?), ma anche tanti altri stanno giocando a dei livelli infimi rispetto alla "primavera rossoblu" (Diawara a parte, ma quello è un fenomeno).

Per non parlare dei nuovi innesti: Floccari preso come vice Destro ha dato il meglio di sè proprio con Destro, quando ha dovuto giocare da solo è sparito (certo, servito anche male). Zuniga doveva dare sprint ed esperienza, ha avuto un lutto gravissimo poi è sparito ed ora viene riproposto come esterno d'attacco con risultati discutibili. Colpo di classe Pippo FranCostant, un onesto mestierante fermo da parecchi mesi che a differenza del suo sosia, ci ha fatto più piangere che ridere.

Colpe del Mister?
Donadoni ha ancora più meriti che demeriti a mio parere, ma è chiaro che anche lui ha questi momenti in cui sembra si faccia di parecchia grappa buona prima di fare le formazioni. Stasera a mio giudizio ha toccato l'apice: Acquafresca. ACQUAFRESCA. Io capisco che Destro sia esploso e che Floccari poveretto necessiti della maschera d'ossigeno, ma può giocare Acquafresca? Può giocare un ectoplasma che da anni è qui solo per prendere i soldi? Uno che ha rifiutato decine di trasferimenti solo per stare qui e non fare una beneamata mazza? Uno così per me non deve vedere il campo neanche dal terrazzo. Piuttosto gioco con un primavera. E se non c'è un primavera, gioco con un pulcino. Ma Acquafresca no.

Ed ora, il dito mi si sposta verso i maggiori artefici di questo disastro: i dirigenti. Società nuova, soldi a iosa, un progetto nuovo e fresco atto a creare una squadra ambiziosa, ambiziosa come il suo patron Joey Saputo. Attimi di difficoltà iniziali, poi Saputo pesca la matta Donadoni e via, inizia l'età dell'oro rossoblu. La squadra gioca, convince, piace, da ultima arriva a metà classifica e guarda con occhio voglioso i piazzamenti europei. Ok.
Poi l'habitat bolognese, annoiato come sempre dalla troppa tranquilità e felicità, decide di fare del fruscaglio: giocatori in scadenza, possibili nuovi arrivi, Donadoni pronto ad andare in Nazionale.

Le voci arrivano alla squadra, i tentennamenti ci sono ma sembra che reggano. Poi il patatrac: disastro Corvino, il caso esplode e diventa il primo titolo di tutti i giornali. Ora io critico pesante i dirigenti perchè un casotto del genere non sarebbe mai e poi mai dovuto uscire. Doveva restare chiuso e sigillato ed esplodere a fine maggio con la salvezza già acquisita, senza nessuna possibilità di fare danni. Ed invece ora ne ha fatti, o quanti ne ha fatti. Non prendiamoci in giro: i giocatori non vivono in una bolla di sapone, magari tanti di questi sono legati a Corvino e hanno cominciato ad avere dubbi sul futuro.

Di Vaio e Fenucci anzichè fare gli sbaragliatori corviniani avrebbero dovuto unire le maglie della squadra e fare fronte comune per finire la stagione senza patemi e coi giocatori belli concentrati e ligi alla causa rossoblu. Io non discuto che il buon Pantaleo abbia fatto qualche marachella non gradita alla società Bologna FC, però modi e tempi sono stati gestiti malissimo. E se un dirigente gestisce male modi e tempi, be', commette errori importanti. Non dico che debbano essere cacciati, sia chiaro, ma nemmeno che debbano essere esentati da colpe. In particolar modo Di Vaio che è stato Capitano e giocatore fenomenale, ma che come dirigente deve mangiare ancora parecchi maccheroni e che non si può nascondere sempre dietro la solita solfa del "C'è solo un capitano".

Sì lo so: vi dovrei scrivere dell'anticipo della trentaquattresima giornata di Serie A, ma parlarvi appunto di un match di tennis non è molto stimolante. Vi dirò che siamo stati purgati da una tripletta di Mertens, una doppia di Gabbiadini (sigh) ed un gol di un perfetto sconosciuto (Lopez) e soprattutto posso dirvi che non siamo mai, mai, MAI entrati in partita. Ergo, da dire non ho nulla.

Ora ci facciamo un po' di caccuccia nelle mutandine illibate, ed è comprensibile: ad oggi il Bologna si salverebbe solo per demeriti altrui. Per come gioca da un po' di tempo a questa parte, i rossoblu sono veramente la squadra peggiore del campionato (forse secondi al Verona...squadra che tra l'altro ci ha battuto, tanto per capire).

Appello finale: non buttiamo nel cesso una stagione. Non buttiamo nel cesso una nuova e RICCA società, non mandiamo nel cesso le possibilità di un futuro divertente. Ora come ora facciamo scudo attorno alla squadra, remiamo tutti dalla stessa parte e cerchiamo in qualche modo di fare gli ultimi punti che possono servire per la salvezza matematica. Poi attacchiamo la giugulare, ma ora no.
Proviamo a chiudere la questione col Genoa, domenica.

Oggi è dura ma... FORZA BOLOGNA.


Kennet27

Non hai i privilegi per visualizzare o postare commenti.

Loghi e marchi nel sito sono dei rispettivi proprietari. Se ritenete che sia stato violato il Vs. Copyright, segnalatelo e, effettuate le necessarie verifiche, si provvedera' alla rimozione del materiale. Il Federossoblu non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza una periodicita' prestabilita. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001.

Utilizzando il nostro sito, acconsentite all'utilizzo di Cookies.

Privacy Policy