Menu
Presentazione di Cagliari-Bologna (34^g 17-18)

Presentazione di Cagliari-Bologna (…

Bologna di scena a Caglia...

Presentazione di Sampdoria-Bologna (33^g 17-18)

Presentazione di Sampdoria-Bologna …

Si torna in campo domani ...

Presentazione di Bologna-Verona (32^g 17-18)

Presentazione di Bologna-Verona (32…

Vincere per cancellare l'...

Presentazione di Crotone-Bologna (31^g 17-18)

Presentazione di Crotone-Bologna (3…

Il Bologna, dopo il pareg...

Presentazione di Bologna-Roma (30^g 17-18)

Presentazione di Bologna-Roma (30^g…

Si torna in campo, dopo l...

Presentazione di Lazio-Bologna (29^g 17-18)

Presentazione di Lazio-Bologna (29^…

Il Bologna è atteso dalla...

Presentazione di Bologna-Atalanta (28^g 17-18)

Presentazione di Bologna-Atalanta (…

Dopo la sconfitta contro ...

I convocati per Spal-Bologna

I convocati per Spal-Bologna

Per la gara di domani con...

Presentazione di Spal-Bologna (27^g 17-18)

Presentazione di Spal-Bologna (27^g…

Dopo la vittoria col Geno...

I convocati per Bologna-Genoa.

I convocati per Bologna-Genoa.

Per la gara di domani con...

Prev Next

Marino Perani, l'ala che faceva volare il Bologna

  • Scritto da roberto
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

Di Andrea Maurizzi, Giraldi Editore, San Lazzaro di Savena (Bo) 2013, pagg. 199, euro 13,90.

Si dice spesso che nel calcio degli anni 60' e 70' c'era più poesia. Ammesso che ciò sia vero, c'era sicuramente una zona dove di poesie se ne "scrivevano" di più. Quella dove giocavano le ali destre. Un ruolo ormai cancellato in campo, ma soprattutto anche nelle parole. Ali e mezzali trasformate in esterni o interni "alti" e "bassi"….
Loro non erano attaccanti e nemmeno centrocampisti, ma, appunto, ali destre…. Meroni, Domenghini, Jair, Mora, C. Sala, Causio, B. Conti per citarne alcuni.
Marino Perani è stato la nostra ala destra, forse una delle ultime, quella dell'ultimo scudetto. Il numero 7 che nella litania di quella formazione viene sempre prima di Bulgarelli. Questo libro è un giusto tributo alla sua carriera e alla sua storia sportiva, quella da calciatore. Ripercorsa dagli inizi a Bergamo fino alla sua lunghissima militanza in rossoblu.
In quegli anni, in fondo, l'ala destra era uno stile di vita. Ma soprattutto e ancora adesso, senza ali non si vola!

Non hai i privilegi per visualizzare o postare commenti.

Loghi e marchi nel sito sono dei rispettivi proprietari. Se ritenete che sia stato violato il Vs. Copyright, segnalatelo e, effettuate le necessarie verifiche, si provvedera' alla rimozione del materiale. Il Federossoblu non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza una periodicita' prestabilita. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001.

Utilizzando il nostro sito, acconsentite all'utilizzo di Cookies.

Privacy Policy