Menu
Ufficiale: acquistato Brignani.

Ufficiale: acquistato Brignani.

Il Bologna ha comunicato ...

Ufficiale: il giovane Fantoni al Bologna.

Ufficiale: il giovane Fantoni al Bo…

Il Bologna ha acquistato ...

Ufficiale: Gonzalez al Bologna.

Ufficiale: Gonzalez al Bologna.

Il Bologna ha comunicato ...

Ufficiale: De Maio al Bologna.

Ufficiale: De Maio al Bologna.

Oggi l'Anderlecht ha comu...

Ufficiale: Cherubin definitivo al Verona e Helander definitivo al Bologna.

Ufficiale: Cherubin definitivo al V…

Nella giornata di ieri il...

Presentazione di Bologna-Juventus (38^g 16-17)

Presentazione di Bologna-Juventus (…

Ultima giornata di campio...

Milan-Bologna 3-0. Il postpartita.

Milan-Bologna 3-0. Il postpartita.

Le parole di Gastaldello,...

Presentazione di Milan-Bologna (37^g 16-17)

Presentazione di Milan-Bologna (37^…

Penultima giornata di cam...

Presentazione di Bologna-Pescara (36^g 16-17)

Presentazione di Bologna-Pescara (3…

Penultimo turno casalingo...

Prev Next

Ricordo di Dall'Ara.

  • Scritto da Fabio Galetti
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

Bologna F.C. e AAVV, Spa Poligrafici Il Resto del Carlino, Bologna, 1964.

Spulciando su internet ho trovato qualche mese fa un libro intitolato "Ricordo di Dall'Ara" che venne pubblicato dal club pochi mesi dopo la scomparsa del nostro grande Presidente.
E' un libro di una sessantina di pagine che raccoglie gli scritti di alcuni personaggi celebri nella città di Bologna ed all'interno dello stesso Bologna, dall'allora Sindaco Giuseppe Dozza, al Presidente e al Vice Presidente della FGCI Pasquale e Barassi, dal Commendator Goldoni che rilevò la Presidenza del Bologna proprio dopo la scomparsa di Dall'Ara a Italo Cucci, già allora cronista delle vicende sportive del Bologna.

Dalle pagine emerge la figura di un Dall'Ara animato dalla genuina passione di un uomo semplice, di stampo antico, che sapeva immergersi con grande dedizione e sincerità in tutte le sue attività da imprenditore nel settore della maglieria a quella carica di Presidente del Bologna che tenne per tanti anni.
Emerge anche un aspetto del suo carattere, cocciuto nel tener testa ai forti, ai pari grado, nell'industria come nello sport, ma rispettoso degli umili perché lui stesso veniva da umili origini e che vorremmo fosse sempre l'emblema di un nostro Presidente e del nostro modo di essere come società e squadra di calcio.

Renato Dall'Ara fu il nostro Presidente dal 1934 per "trent'anni meno cinque giorni" come è intitolato il gruppo di pagine centrali del volume che racchiudono la storia sportiva del suo Bologna, pagine scritte da Cucci appunto.
Perché la morte che lo colse prematuramente il 3 giugno 1964 a Milano negli uffici della Lega non solo gli impedì di festeggiare dal vivo il suo quinto scudetto ma anche di celebrare, di lì a pochi giorni, il trentennale appunto della sua ascesa alla Presidenza del Bologna Football Club.

E' difficile per noi che in quei giorni eravamo bambini di 3-4 anni, capire lo spirito con cui il Bologna giocò quello spareggio a Roma.
Credo però che la morte di Dall'Ara, avvenuta secondo molti anche per l'aggravarsi delle sue già precarie condizioni di salute a causa dell'amarezza dello scandalo del doping, servì a fornire una motivazione ancora più profonda ai suoi giocatori.
Una motivazione e, successivamente, una festa vissute quasi in silenzio, per una forma di pudore e rispetto per quella figura unica di Presidente che aveva fatto moltissimo per il Club e che aveva toccato, magari centellinando sull'aumento del contratto, ma amandoli tutti indistintamente, una per una tutte le vite e le carriere di quei magnifici atleti in rossoblu.


Fabio "Gallo" Galetti

Non hai i privilegi per visualizzare o postare commenti.

Loghi e marchi nel sito sono dei rispettivi proprietari. Se ritenete che sia stato violato il Vs. Copyright, segnalatelo e, effettuate le necessarie verifiche, si provvedera' alla rimozione del materiale. Il Federossoblu non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza una periodicita' prestabilita. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001.

Utilizzando il nostro sito, acconsentite all'utilizzo di Cookies.

Privacy Policy