Menu
Ufficiale: rientrato Boldor.

Ufficiale: rientrato Boldor.

Il difensore Deian Boldor...

Ufficiale: Rizzo all'Atalanta.

Ufficiale: Rizzo all'Atalanta.

Rientrato dal prestito al...

Ufficiale: Oikonomou al Bari.

Ufficiale: Oikonomou al Bari.

Dopo il rientro dal prest...

Ufficiale: Petkovic al Verona.

Ufficiale: Petkovic al Verona.

Oggi il Bologna ha ceduto...

Ufficiale: Colli al Prato

Ufficiale: Colli al Prato

Rientrato dal prestito al...

Presentazione di Torino-Bologna (20^g 17-18)

Presentazione di Torino-Bologna (20…

Esordio per Walter Mazzar...

I convocati per Torino-Bologna.

I convocati per Torino-Bologna.

Per la gara di domani con...

Mercato: rientrato Tabacchi

Mercato: rientrato Tabacchi

Oggi il Bologna ha fatto ...

I convocati per Bologna-Udinese.

I convocati per Bologna-Udinese.

Per la gara di domani con...

Prev Next

L'inattesa piega degli eventi.

  • Scritto da roberto
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

Di Enrico Brizzi, Baldini Castaldi Dalai Editore, Milano 2008, pagg.518, euro 19.50.

Italia 1960 le Olimpiadi di Roma sono alle porte e Benito Mussolini è sul letto di morte. L’Italia non è uscita massacrata dalla II Guerra, ma anzi si è seduta al tavolo dei vincitori mantenendo, oltre al regime fascista, anche le sue ex colonie africane. Un’operazione di rivisitazione fantastica della storia non nuova nella letteratura, già vista nel visionario “La svastica sul sole” di Philippe Dick o nel più didascalico “Father Land” di Harris. Il merito di Brizzi è però di tessere una trama che mischia gli ingredienti tipici della nostra storia: potere, donne e calcio…
Il tutto attraverso il viaggio di Lorenzo Pellegrini, brillante cronista spedito per punizione in seguito ad una pericolosa relazione amorosa, a seguire le ultime giornate della seria Africa. Il calcio affiliato e controllato dalla Federcalcio romana delle ex colonie, Eritrea, Etiopia e Somalia,  adesso diventate“repubbliche associate”.
Lorenzo, bolognese e tifoso del Bologna, giornalista di “Stadio”, curioso giovanotto, avrà così modo di conoscere una terra affascinante dove il calcio è anche il catalizzatore di tensioni sociali e voglie di riscatto mai sopite.  Troverà le rivalità tra squadre assistite dai potenti e per soli bianchi con altre, dove il crogiolo interrazziale le renderà simbolo per gli antifascisti deportati e mandati al confino dal regime littorio.
Saranno le frequentazioni con l’arroganza dei potenti, ma soprattutto con gli apparenti diseredati e artisti della sopravvivenza che lo condurranno, come in ogni bel romanzo di iniziazione, verso una nuova consapevolezza. Il calcio resta perciò il pretesto per sondare le tipiche modalità umane di una società divisa da interessi e privilegi non poi tanto lontana dal nostro paese evoluto. Il tutto con una ironia diffusa che lo rende godibile e bello.

 

 

Non hai i privilegi per visualizzare o postare commenti.

Loghi e marchi nel sito sono dei rispettivi proprietari. Se ritenete che sia stato violato il Vs. Copyright, segnalatelo e, effettuate le necessarie verifiche, si provvedera' alla rimozione del materiale. Il Federossoblu non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza una periodicita' prestabilita. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001.

Utilizzando il nostro sito, acconsentite all'utilizzo di Cookies.

Privacy Policy